Home page  |  Amministrazione Trasparente  |  Mappa Sito

Sei in: Home Page / Iniziative e Servizi / Progetto P.A.N.E. - Parco Agricolo Nord Est / Indagini faunistiche

Indagini faunistiche


cutrettola - foto di G. Calvi

La relazione qui allegata costituisce il rapporto conclusivo sulle indagini faunistiche condotte nell'ambito del progetto “Corridoi ecologici per la costruzione del Parco Agricolo Nord Est , dal Lambro all’Adda, dalle colline al Villoresi” promosso dal Dipartimento Architettura e Studi Urbani (DAStU) del politecnico di Milano in partnership con i PLIS della Cavallera, del Molgora e del Rio Vallone e cofinanziato da Fondazione Cariplo nell'ambito del bando “Realizzare la connessione ecologica”.
 
Le indagini faunistiche, al pari di quelle botaniche ed agronomiche, avevano lo scopo di raccogliere informazioni finalizzate al corretto indirizzo delle azioni di miglioramento ambientale progettate nello studio di fattibilità.
 
All'interno del presente rapporto sono riportati e discussi i risultati delle indagini. Parte delle indicazioni emerse nel presente rapporto sono confluite nel lavoro di progettazione svolto dal DAStU e nelle schede tipologiche illustranti caratteristiche e modalità di realizzazione degli interventi previsti al termine dello studio di fattibilità.
 
I gruppi faunistici scelti per questa indagine sono due classi di vertebrati, Uccelli e Anfibi.
 
Gli uccelli sono gli indicatori biologici maggiormente utilizzati. La facilità con cui possono essere rilevati consente di raccogliere dati standardizzati e di elevata qualità su aree molto ampie. Con questi dati è possibile effettuare una lettura “ecologica” del territorio indagato grazie a metodi analitici consolidati ed efficaci nonché alle vaste conoscenze sull'ecologia delle specie.
 
Gli anfibi d'altro canto sono incredibilmente adatti ad essere utilizzati come specie modello per lo studio della connessione ecologica. Essi necessitano della contemporanea presenza di ambienti acquatici per la riproduzione e di aree vegetate per trascorrere il periodo non riproduttivo. Possiedono inoltre una ridotta capacità di spostamento risultando così molto sensibili a frammentazione ambientale e isolamento ecologico.
 
Per entrambi i gruppi erano inoltre già disponibili per l'area di studio dati pregressi che, assieme a quelli raccolti durante questo progetto, hanno consentito di costituire una banca dati di grande utilità per supportare la predisposizione degli interventi più funzionali al potenziamento della rete ecologica.

File allegati